Grazie alla fortuna che ho di vivere in questa meravigliosa città, unitamente al progetto irBarcelona che ho intrapreso alcuni anni fa, ho avuto l’opportunità di conoscere e/o visitare tutte e nessuna esclusa le opere di Gaudí a Barcellona. Per questo motivo ho voluto scrivere un articolo che comprenda tutti i monumenti e l’opere di Antoni Gaudí nella città di Barcellona.

Antoni Gaudí, Patrimonio dell’Umanità

Un totale di 7 edifici o opere di Antoni Gaudí sono stati dichiarati dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità, tutti situati nella provincia di Barcellona.

Parco Güell
Palazzo Güell
Casa Milà
Casa Vicens
Casa Batlló
Cripta Gaudí Colonia Güell
Sagrada Familia (Facciata della Natività e Cripta)

Anche se molte delle sue opere sono probabilmente ben note a tutti voi, è possibile che non abbiate ancora l’occasione di visitare qualcuna di queste. Con questo articolo spero stuzzicare quella curiosità che vi farà avvicinare ad alcuni dei monumenti più importanti, ed inoltre scoprirete alcune delle sue opere meno conosciute che, per fortuna, possiamo continuare ad ammirare ancora oggi dopo tanti anni dalla loro creazione.


Parco Güell

Salamandra Gaudí Parco Güell

Il Parco Güell (1900 – 1914) è stato progettato in origine come uno sviluppo urbano in collina. Dopo aver costruito solo due delle case che furono progettate, il progetto si fermò, rimanendo nell’oblio per molti anni. Attualmente il parco è una delle opere più famose e visitate di Antoni Gaudí a Barcellona. L’accesso al parco è gratuito ma non succede lo stesso se si desidera visitare la zona monumentale (la famosa Salamandra, la Sala delle 100 colonne, la Piazza della Natura, la Casa del Guardiano e il Portico della Lavandaia). Per quelli di voi che vivono a Barcellona o chi vi verrà a trascorrere lunghi periodi in città, consigliamo di registrarvi a Gaudir+BCN, che vi permetterà, tra le altre cose di visitare liberamente la zona monumentale del Parco Güell.

Dettagli

Carrer (via) d’Olot, s/n.
Dal 28 ottobre al 16 marzo: dalle 8:30 alle 18:15.
Dal 17 febbraio al 24 marzo: dalle 8:30 alle 19:00.
Dal 25 marzo al 29 aprile: dalle 8:00 alle 20:30.
Dal 30 aprile al 26 agosto: dalle 8:00 alle 21:30.
Dal 27 agosto al 27 ottobre: dalle 8:00 alle 20:30.
Zona monumentale: da 6€ a 8,50€.
Resto del parco: accesso gratis.
Visita combinata alla Sagrada Familia e al Park Guell
biglietti Sagrada Familia e Park Güell

La Sagrada Familia

Basilica della Sagrada Familia

Il Tempio Espiatorio della Sacra Famiglia (1882 – 2026), autentico simbolo della città di Barcellona, è l’opera più ambiziosa di Gaudí e quella a cui l’architetto dedicò più anni, sforzi e, sicuramente, illusione. Iniziata nell’anno 1882, non fu che un anno più tardi che Gaudí prese le redini della costruzione di questa monumentale chiesa, e che vi continuò a lavorare fino alla sua morte (1926). Da allora molti architetti sono stati incaricati di tradurre in realtà gli schizzi e i progetti di Gaudí.

Dettagli

Carrer (via) de Mallorca, 401.
Da novembre a febbraio: dalle 9:00 alle 18:00.
Marzo e ottobre: dalle 9:00 alle 19:00.
Da aprile a settembre: dalle 9:00 alle 20:00.
1 e 6 gennaio e 25 e 26 dicembre: dalle 9:00 alle 14:00.
Ingresso: da 15€ a 32€.

Casa Museo Gaudí

Casa Museo Gaudí

Situata all’interno del Parco Güell, la Casa Museo Gaudí (1903 – 1905) è una delle due case costruite prima il progetto di urbanizzazione del parco fallisse. In questa casa visse Antoni Gaudí per quasi 20 anni, dal 1906 al 1925, appena un anno prima della sua morte. Tutti quelli di voi che intendono visitare la Casa Museo, all’interno troverete tutti i tipi di informazioni su Antoni Gaudí e una collezione di mobili e oggetti progettati dall’architetto.

Dettagli

Interno del Parco Güell.
Da ottobre a marzo: dalle 10:00 alle 18:00.
Da aprile a settembre: dalle 09:00 alle 20:00.
Ingresso: da 4,50€ a 5,50€.

Casa Batlló

Casa Batlló

La Casa Batlló (1904-1906), uno dei simboli del modernismo che si possono visitare nella zona conosciuta come Manzana de la discordia del Passeig de Gràcia, sorprende i passanti per le sue forme audaci che ricevettero non poche critiche all’epoca della sua realizzazione. Casa Batlló non è una costruzione originale di Gaudí, ma una ristrutturazione realizzata dall’architetto che rinnovò completamente un edificio già esistente. La scommessa sulle nuove tecnologie intrapresa dalla famiglia che possiede l’edificio, come ad esempio l’uso della Realtà Aumentata, rappresenta un’ulteriore attrattiva che spinge a visitare questa magnifica opera di Antoni Gaudí.

Dettagli

Passeig de Gràcia, 43.
Dal lunedì alla domenica: dalle ore 9:00 alle ore 21:00.
Ingresso: da 22€ a € 35€.

Casa Milà (La Pedrera)

Casa Milà La Pedrera

Di epoca naturalistica, La Pedrera (1906-1910), ufficialmente chiamata Casa Milà, è una delle più importanti e conosciute opere di Gaudí. Commissionata dell’unione in matrimonio tra Pere Milà i Camps e Roser Segimon Artells; come pochi anni prima era accaduto alla Casa Batlló, il suo design sollevò molte polemiche, si arrivò ad interromperne la costruzione per violazione delle norme urbanistiche stabilite dal Municipio. Oggi è uno dei monumenti più visitati, è possibile visitare uno dei suoi piani e salire sul tetto, dove vi affascineranno i suoi camini arrotondati e le torrette di ventilazione, e dal quale si osservano delle bellissime viste sul Passeig de Gràcia.

Dettagli

c/ (via) de Provença, 261-265.
Dal primo marzo al 3 novembre: dalle 9:00 alle 20:30.
Dal 4 novembre al 28 febbraio: dalle 9:00 alle 18:30.
Chiuso: 25 dicembre.
Ingresso: da 11€ a 29€.

Casa Vicens

Casa Vicens

Il primo lavoro di grande importanza commissionato ad Antoni Gaudí fu quello di elevare questa torre di Villa de Gràcia, allora comune autonomo di Barcellona. Nota come Casa Vicens (1883-1888) è una vera e propria dichiarazione di intenti di Antoni Gaudí in relazione al suo lavoro. Riguardo alla sua facciata, richiama l’attenzione l’uso della linea dritta, elemento comune nelle prime opere architetto. Anche la pietra utilizzata per la costruzione è un elemento che ci fa intuire le future intenzioni dell’architetto, anche se è camuffata da una colorita decorazione in ceramica di colore bianco, verde, giallo e mattone.

Dettagli

Carrer (via) de les Carolines, 24.
Dal 15 ottobre al 31 marzo: lunedì dalle 10:00 alle 15:00 e dal martedì alla domenica dalle 10:00 alle 19:00.
Dal 1 aprile al 14 ottobre: dal lunedì alla domenica dalle 10:00 alle 19:00.
Ingresso: da 12€ a 16€.

Torre Bellesguard

Torre Bellesguard

Sebbene la Torre Bellsguard (1900 – 1909) sia una delle opere meno famose di Gaudí, da quando, nell’anno 2013, ha aperto al pubblico le sue porte, sono sempre di più le persone che ne hanno sentito parlare e che hanno avuto l’occasione di visitare questo luogo. Osservando la facciata, che mescola elementi di stile neogotico con cierti tocchi tipici del modernismo dell’architetto, si scopre un Gaudí diverso. Questo si deve alla sua volontà di rendere omaggio alla storia del luogo, infatti un tempo qui vi sorgeva il castello di Re Martino I d’Aragona (1356 – 1410) ed è possibile vedere ancora oggi parte delle mura dell’antico castello.

Dettagli

Carrer (via) de Bellesguard, 16.
Da martedì a domenica: dalle ore 10:00 alle ore 15:00.
Chiuso: lunedì (tranne i festivi), 1 e 6 di gennaio e 25 e 26 di dicembre.
€ Ingresso: da 7,20€ a 16€.

Viadotto Bellesguard

Viadotto Bellesguard

Durante i lavori della Torre Bellesguard, e al fine di preservare i resti medievali delle torri del castello di Re Martino I d’Aragona, Antoni Gaudí decise di deviare la vecchia strada che attraversava la zona. In tal modo, scoprì che il nuovo tracciato della strada doveva passare vicino ad un ruscello, il quale è oggi ormai inesistente, così decise di costruire un viadotto, ora conosciuto come Viadotto Bellesguard (1908). Anche vi sono alcune differenze, è molto simile ai viadotti che più tardi saranno costruiti nel Parco Güell.

Dettagli

Di fronte all’ingresso Bellesguard (Bellesguard Via, 16).
Situato all’aperto, vi si può accedere durante tutto l’anno e in qualsiasi momento.
Ingresso: gratuito.

Padiglioni Finca Güell

Finca Güell, padiglioni e giardini Gaudí

Il primo incarico significamente importante commissionato da Eusebi Güell a Antoni Gaudí fu la ristrutturazione della Tenuta di Pedralbes conosciuta come Finca Güell (Tenuta Güell, in italiano). Per fare questo realizzò alcune modifiche e miglioramenti nel giardino e costruì due padiglioni (1884 – 1887): la scuderia dei cavalli e la casa del guardiano. Nella facciata si possono osservare alcune tecniche che avrebbe in seguito perfezionato e utilizzato nelle sue opere più famose, come è il caso del Trencadís. Si evidenzia anche il grande uso del simbolismo da parte di Gaudí, un ricorso che caratterizzerà tutte le sue successive opere, e che è anche possibile notare nella vecchia entrata della Tenuta Güell, dove richiama l’attenzione la presenza di un Dragone Mitologico incatenato al cancello di ingresso.

Dettagli

Av. Pedralbes, 7.
Tutti i giorni dalle 10:00 alle 16:00.
Chiuso: 1 e 6 Gennaio e 25 e 16 Dicembre.
Ingresso: da stabilire.

Palazzo Güell

Palazzo Güell

La costruzione del Palazzo Güell (1886-1890), in catalano Palau Güell e residenza della famiglia Güell, fu commissionata a Gaudí da Eusebi Güell dopo l’eccellente lavoro svolto dall’architetto nella sua Tenuta di Pedralbes (Padiglioni Finca Güell). Di conseguenza, Gaudí ebbe molta più libertà e iniziò a rivelare se stesso per quello che realmente era, un genio. Durante la visita si percorrono tutti i piani dell’edificio, in cui si trovano il vecchio fienile, situato nel seminterrato, il piano nobile, nel quale viveva la famiglia Güell, e l’affascinante terrazza con i suoi 20 colorati e suggestivi camini che in molte occasioni identificano questa opera di Gaudí.

Dettagli

Carrer (via) Nou de la Rambla, 3.
Da aprile a settembre: dalle 10:00 alle 20:00.
Da ottobre a marzo: dalle 10:00 alle 17:30.
Chiuso: 1 e 6 Gennaio, la terza settimana di gennaio (per manutenzione), 25 e 16 Dicembre e tutti i lunedì non festivi.
Ingresso: da 5€ a 12€.

Casa Calvet

Casa Calvet

Casa Calvet (1898-1900) fu l’edificio con il quale Gaudí fu insignito del premio per il miglior edificio artistico da parte del Municio di Barcellona. Progettato su commissione dell’industriale Pere Màrtir Calvet, al giorno d’oggi rimane di proprietà privata, quindi non è possibile visitarne all’interno. Nonostante questo ostacolo, è comunque possibile vedere una parte del lavoro dell’architetto, se si entra nella Cioccolateria Brescó, o se si cena al Ristorante Calvet, entrabi i locali sono infatti siatuati al piano terra dell’edificio.

Dettagli

Carrer (via) Casp, 48.
Visita: non è possibile visitare l’edificio. Si può solamente entrare nella cioccolateria e nel ristorante del piano terra.

Collegio delle Teresiane

Collegio delle Teresine Barcellona

Il Collegio delle Teresiane o Collegio Teresiano (1887-1889), che attualmente continua a svolgere la stessa funzione per cui fu costruito, fu un progetto che Antoni Gaudí ereditò a lavori già iniziati. Per realizzarlo, l’architetto si attenne alla linea guida dell’ordine delle Teresine, per cui dovette limitarsi nel bilancio preventivo e mantenere una certa sobrietà nella forma e nel progetto della struttura dell’edificio. Per questo motivo utilizzò un materiale economico, come era il mattone, ma si prese comunque delle licenze decorative con cui lasciò la sua impronta.

Dettagli

Carrer (via) Ganduxer, 85-103.
infosecretaria@ganduxer.escolateresiana.com.
Visite: essendo un collegio, l’accesso all’interno è piuttosto limitato.

Portale Miralles

Portale Miralles

Attualmente si conserva gran parte del portale e del cancello originale (1901) di forme curve che progettò Antoni Gaudí per la tenuta di Hermenegild Miralles i Anglès. Sebbene sia realizzato in pietra, in alto si può vedere l’uso della tecnica Trencadís realizzata con ceramica bianca. Richiama inoltre l’attenzione per l’utilizzo del ferro battuto nella piccola porta laterale, una risorsa che Gaudí utilizzò in quasi tutte le sue opere. Dopo il restauro, avvenuto nell’anno 2000, è stata installata una statua con la figura dell’architetto catalano, intitolata ‘A Antoni Gaudí‘, opera dello scultore Joaquim Camps.

Dettagli

Passeig Manuel Girona, 55.
Visite: situati all’esterno, accanto all’ingresso al Palazzo Miralles, sia la porta che il cancello sono visibili dalla strada e quindi di libero accesso.

Lampioni di Plaça Reial e di Pla de Palau

Lampioni Antoni Gaudí

Prima di diventare il romato architetto che fu, Antoni Gaudí realizzò delle opere minori, realizzò dei lampioni a gas collocati in Plaça Reial (piazza reale) e in Pla de Palau, un chiaro esempio di committenza pubblica da parte del Comune di Barcellona. Fortunatamente per noi, questi lampioni si trovano ancora oggi nello stesso luogo originale e in funzionamento, così sono accessibili a tutti coloro che passano da una di queste due piazze di Barcellona. I lampioni monumentali di Plaça Reial, con 6 bracci, lo scudo della città e coronate da un elmo alato del Dio Mercurio, furono inaugurati il giorno de La Mercè del 1879. Invece, i due lampioni di Pla de Palau opera di Gaudí, contano solamente 3 bracci e furono installati nella piazza pochi anni dopo, ovvero nel 1980.

Dettagli

Plaça Reial.
Pla de Palau.
Visita: situati all’aperto, è possibile ammirarli gratuitamente e in qualsiasi momento.

Cascata monumentale del Parco della Ciutadella

Parc de la Ciutadella

Mentre era ancora studente di architettura ed inziava ad emergere tra gli altri studenti, Gaudí lavorò allo sviluppo urbano del Parco della Ciutadella realizzato da Josep Fontserè, un lavoro che in definitiva è stato molto importante per lanciare la sua carriera di architetto. Nello specifico, gli è attribuito il progetto idraulico della cascata monumentale e di alcuni dettagli decorativi della stessa, come è il caso dei due medaglioni che presentano due lucertole in bassorilievo.

Dettagli

Passeig de Picasso, 21.
Tutti i giorni: dalle 10.00h fino a poco prima che scenda la sera..
Ingresso: gratis.
The Gaudí Exhibition Center
The Gaudí Exhibition Center e Museo Diocesano di Barcellona

Se vuoi conosce più approfonditamente e dettagliatamente come Gaudí traeva ispirazione e progettava le proprie opere, The Gaudí Exhibition Center, il centro di interpretazione su Antoni Gaudí e le sue opere, è di sicuro un luogo che dovete visitare. Situato nell’edificio della Pia Almoina, proprio vicino alla Cattedrale di Barcellona, la visita di questo sito è un completamento per tutti gli amanti dell’arte di Gaudí.

Pla de la Seu, 7
Da marzo a ottobre: tutti i giorni dalle ore 10:00 alle ore 20:00.
Da novembre a febbraio: tutti i giorni dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Ingresso: da 7,50€ a 15€.

Mappa delle opere di Gaudí a Barcellona

Visualizzare le opere di Antoni Gaudí a Barcelona in una mappa più grande

Gaudí nella provincia di Barcellona

Tre opere di Gaudí, benché non si trovino a Barcellona sono collocate comunque nella provincia. Si tratta della Cripta della Colonia Güell a Santa Coloma de Cervelló, delle Cantine Güell a Garraf, e della Cooperativa Operaia Mataronense a Matarò e ribattezzata con il nome catalano di Nau Gaudí dopo la riforma fatta alcuni anni fa, e che oggi è sede della Collezione Bassat d’Arte Contemporanea della Catalogna.

Il Gaudí scomparso

Purtroppo, non tutte le opere di Gaudi a Barcellona sono perdurate fino ad oggi. Qui di seguito vi elenchiamo alcune delle sue opere che, per motivi diversi, sono scomparse.

Farmacia Gibert (1879)
Decorazione del Bar Torino (1902)
  • 24
    Shares