El Raval

Aggiornato 24 Apr 2020

El Raval è uno dei quattro quartieri che compongono il distretto Ciutat Vella (Città Vecchia, in italiano) ed è quello che conta la maggior densità di popolazione. Gran parte del suo fascino è dato dall’atmosfera che si respira nelle sue piazze, vie e, ovviamente, dal mercato de La Boqueria, dove la mescolanza della popolazione locale, tra cui molti immigrati, con i turisti che ogni giorno lo percorrono, dona a questo quartiere un’immagine molto cosmopolita e interculturale.

Origine e breve storia del quartiere del Raval

Le sue origini risalgono al secolo XIV, quando il Re Pietro IV di Aragona, ordinò a costruzione di nuove mura al di là di uno dei limiti della città, La Rambla. L’obbiettivo era destinare i nuovi terreni all’agricoltura e installarvi alcuni servizi sanitari basici (ospedali, orfanotrofi, lebbrosari e case di carità) sempre più necessari. Poco a poco El Raval divenne sempre più popolato e questo portò a spostare ulteriormente l’attività agricola in aree più distanti della città. Durante la seconda metà del secolo XVIII il quartiere subì un forte impulso economico, dal momento che vi sorsero importanti fabbriche (molte delle quali erano tessili), ciò fece diventare questa zona il motore industriale ed economico di Barcellona durante il secolo XIX.

Origine della parola ‘’Raval’’

Raval deriva dalla parola araba rahal e si riferisce ad un appezzamento di terreno dedicato alla coltura agricola, una chiara allusione alla destinazione d’uso che ebbe il quartiere quando venne creato.

Esplorando il quartiere del Raval

Nonostante sia una delle zone più centrali, vivaci e anche alla moda della città, sono molti i turisti, e perché non dirlo, anche alcuni abitanti di Barcellona, che anche pur visitando le attrazioni culturali che si trovano in questo quartiere, tuttavia non si sono mai addentrati in profondità per esplorarlo, ma per fortuna negli ultimi anni la situazione sta cambiando. Il motivo di questo atteggiamento distaccato nei confronti del quartiere deriva dalla cattiva reputazione guadagnatasi durante il secolo XX, epoca in cui camminare tra le sue vie era sinonimo di una certa sporcizia, prostituzione, delinquenza e anche pericolo, arrivando a diventare famoso come il Quartiere Cinese, un riferimento alle similitudini che aveva con i quartieri cinesi di alcune città degli Stati Uniti.


Per fortuna, molte cose sono cambiate ne El Raval durante gli ultimi decenni, e per quanto possano ancora esistere piccoli residui di questo passato oscuro, non segnano di certo l’identità di un quartiere dove attualmente si può godere della storia (chiese centenarie), cultura (musei e centri d’arte), intrattenimento (teatri) e svago (ristoranti, bar e locali) dove è possibile rilassarsi.

Ma… El Raval è un quartiere pericoloso?

Decisamente la risposta è no, e ve lo dice uno che ha vissuto nel Raval per più di 3 anni e non ha mai avuto nessun problema o vissuto una situazione conflittuale. Quindi si tratta di un quartiere in cui, come ogni altra zona di Barcellona o di un’altra qualsiasi città del mondo, può verificarsi un atto criminoso, tra questi i più abituali sono i piccoli furti, per cui è sempre importante che teniate bene sott’occhio i vostri effetti personali, ma in nessun caso si tratta di un quartiere da poter considerare pericoloso.

Arte, storia e cultura nel quartiere del Raval

Di seguito vi offriamo informazioni più dettagliate circa alcuni dei molti luoghi di interesse che si trovano ne El Raval, tra cui spiccano il Palau Güell (Palazzo Güell, in italiano) una delle opere più interessanti di Antoni Gaudí, la millenaria chiesa di Sant Pau del Camp, il Museo d’Arte Contemporanea di Barcellona (MACBA), il recinto dell’antico Hospital de la Santa Creu (Ospedale della Santa Croce, in italiano) e, come no, l’autentico centro nevralgico del quartiere, la Rambla del Raval.

Visita guidata del Raval

Una forma eccellente per addentrarsi nel Raval per conoscere più in profondità la storia e l’evoluzione del quartiere e scoprire i molti luoghi affascinanti che nasconde, è realizzare una visita guidata per le sue vie. Esistono vari tipi di visite, dalle più generiche alle più specifiche (Concentrate sui locali, la storia medievale del quartiere, la storia industriale, le botteghe, etc.). A seconda della visita, questa si può svolgere in una o in un’altra lingua, pertanto vi suggeriamo di chiedere informazioni contattando le differenti compagnie ed enti che le organizzano.

Se, al contrario, preferite percorrere ed esplorare El Raval a vostro piacimento, anche questa sarà un’eccellente opzione e speriamo che il nostro apporto vi sia utile.

Antic Hospital de la Santa Creu

Recinte modernista Sant Pau

Data l’importanza che ha avuto per la città l’Antic Hospital de la Santa Creu (Antico Ospedale della Santa Croce in italiano), merita una menzione speciale. Dopo 6 secoli di attività (dal 1401 al 1926) nello stesso luogo, l’ospedale divenne troppo piccolo per soddisfare le esigenze di una popolazione che subì un forte incremento demografico. Non potendo espandere i propri locali a causa della mancanza di spazio nella zona, si scelse di costruire un nuovo ospedale nella periferia della città (l’attuale Eixample), conosciuto come Hospital de la Santa Creu i Sant Pau (Ospedale della Santa Croce e San Paolo, in italiano).

Attualmente, nel recinto dell’Antico Ospedale della Santa Croce si trovano i giardini di Rubió i Lluch, dove si trova un piccolo Kiosko bar (El Jardí Barcelona) ideale per prendere qualcosa da bere lontano dal trambusto che solitamente si respira nelle vie circostanti. Per quanto riguarda le varie strutture dell’ospedale, il cui aspetto è rimasto praticamente intatto durante il tempo, si è deciso di dare un uso diverso per ognuna di esse.

Jardins de Rubió i Lluch

Jardins de Rubió i Lluch

Biblioteca della Catalogna

Biblioteca della Catalogna

La Capella (cappella)

La Capella (cappella)

Casa de Convalescència e Giardini Mercè Rodoreda

Casa de Convalescència e Giardini Mercè Rodoreda

Escola Massana e spazio teatrale

Nel recinto dell’antico ospedale si trova anche la sede della Escola Massana (Scuola Massana, in italiano) centro municipale di arte e disegno situato in una parte dell’ala storica dell’edificio, così come lo spazio teatrale le cui caratteristiche lo rendono uno scenario unico per vivere da vicino e con la massima intensità qualunque opera.

Mappa della zona del Raval

Negozi e mercatini nel quartiere del Raval

mercatini El Raval

Non c’è solamente arte, storia e cultura, ma anche il commercio ha un ruolo di spicco nel Raval, per cui si evidenzia la presenza alcuni dei negozi più antichi e storici della città. Alcuni di questi sono dedicati alla vendita degli stessi prodotti che vendevano all’inizio ed altri negozi hanno rispettato l’estetica e lo stile dei mobiliari originali.

I mercatini sono altri elementi che donano vita al quartiere, tra questi il massimo esponente è il Mercat Raval (mercato del Raval, in italiano), un piccolo mercatino all’aria aperta in cui spiccano le bancarelle di accessori di moda e che si svolge tutti i fine settimana (ad eccezione di agosto) ne La Rambla del Raval. Un altro mercatino che si svolge nel fine settimana è la Fira Nova Artesania (Fiera del Nuovo Artigianato, in italiano) situata nella parte finale de La Rambla de Barcelona (vicino al Monumento a Cristoforo Colombo), giusto al confine tra il Raval e il Barrio Gótico (Quartiere Gotico, in italiano). È anche comune trovare in una qualsiasi delle vie o piazze del quartiere, mercati itineranti o organizzati puntualmente, come nel caso dei sempre più famosi Demanoenmano, Flea Market o Festivalet.

Bar, ristoranti e locali nel Raval

bares El Raval

Essendo un quartiere molto centrale, i bar, i ristoranti e i locali hanno una bellissima atmosfera, soprattutto quelli che sono più di moda e durante i fine settimana. Ad ogni modo, non sono ancora presi d’assalto dalla massa come quelli del vicino Barrio Gótico dove la presenza dei turisti è molto più frequente.

Vie e piazze dove mangiare o prendere qualcosa da bere

Calle Joaquim Costa
Calle Fernandina / Plaça dels Àngels
Rambla del Raval

Bar
Lapaciencia
Bar Mendizabal
Café de les Delícies
Tosca del Carme
Bar Fidel
Casa Almirall
Granja M. Viader
Bar Pesca Salada
La Confitería
La Llibertària
La Monroe de la Filmo
Ristoranti
Suculent
Casa Guinart
La Cucchiarella
Romesco
Ca L’Estevet
Biocenter
Cera 23
L’Oliva
Fonda España
En Ville
Locali
Tinta Roja
Big Bang Bar 5
London Bar
The Quiet Man
Manchester Raval
Bar Pastís
Bar El Cangrejo
Absenta
Boadas Cocktails
Bar Marsella

Hotel e altri alloggi che vi consigliamo

El Raval ha una moltitudine di hotel, appartamenti, ostelli e altri tipi di alloggi. Tra tutti questi, noi abbiamo preparato per voi una selezione di quelli che, per vari motivi, consideriamo ideali per chi voglia trascorrere la sua permanenza a Barcellona nel quartiere del Raval.

Feste del quartiere ed eventi di rilievo

eventos en El Raval

Festa Major del Raval
Festa del quartiere.
Principio / metà di luglio.
Varie vie e piazze del quartiere.
Riso dal Mondo
Festa della Mercè.
24 settembre.
Rambla del Raval.
Gandules
Cinema all’aria aperta.
Agosto.
CCCB.
Raval(s)
Festival culturale.
Metà di novembre.
Diverse zone del quartiere.
Sant Jordi
Bancarelle di libri e rose.
24 aprile.
Rambla del Raval.
+ info.
Fiera del commercio
Attività e bancarelle nelle vie.
Maggio.
In varie vie del quartiere.

Altri quartieri e zone di Barcellona